Regione Veneto

Neopatentati

Neopatentati: niente auto potenti

divieto guida auto potenti per neopatentatiDal 9 febbraio 2011 sono pienamente operative le limitazioni per i neopatentati, riferite alla potenza dei veicoli.

Per effetto della legge 120/2010, chi ha conseguito la patente di categoria B a partire dal 9 febbraio, per il primo anno potrà guidare autovetture con potenza relativa massima di 55 kw/ton riferita alla tara, e comunque con potenza assoluta non superiore a 70 kw.
Limitazione che vale anche nel caso in cui la patente sia stata ottenuta dopo una revoca: anche in questo caso, il conducente "ritorna neo patentato".

È questa un’importante novità riguardante la categoria M1, i veicoli a quattro ruote destinati al trasporto di persone fino a nove posti compreso il conducente. Si tratta perciò delle normali autovetture, diffuse in tutte le famiglie ed utilizzate proprio dai giovani neopatentati.

Entra pienamente in vigore l'articolo 117 del Codice della strada, modificato nel 2007 ma del quale ne è stata rinviata più volte l'entrata in vigore. L'attuale formulazione introduce due importanti novità rispetto al testo originario:

  • un limite meno restrittivo, di 55 kw per tonnellata di peso alla tara, anzichè di 50
  • il limite massimo della potenza effettiva in 70 kw, originariamente non previsto.

Quanti cavalli sono? Che cilindrata è?
La potenza dei veicoli è generalmente espressa in CV, unità di misura con la quale gli automobilisti hanno maggiore familiarità.
Per convertire la potenza massima espressa in cavalli è necessario moltiplicare i cavalli per 0,736.
A patto di avere una potenza relativa adeguata (inferiore a 55 kw/t), un'auto di 90-95 cavalli può essere guidata perchè 95x0,736=69,92, limite che rispetta la potenzia massima di 70 kw.

Particolare attenzione andrà prestata alla verifica della potenza relativa, e perciò al calcolo: essendo la maggior parte delle disposizioni di circolazione riferite alla massa a pieno carico (mcpc), solo le carte di circolazione dei veicoli più recenti contengono infatti il dato sulla potenza e quello sulla tara in modo chiaro.

Calcolo della potenza relativa
Per capire se affidare o meno l’auto ai giovani guidatori perciò, si dovrà anzitutto ricercare la tara del veicolo, aggiungendo poi 75 kg come peso convenzionale del conducente. A questo punto il calcolo andrà fatto mettendo in rapporto i due termini (potenza/peso). Il risultato finale non dovrà superare i 55,001: è infatti necessario tenere in considerazione fino al terzo decimale.

Sul Portale dell'automobilista è disponibile un servizio molto efficace che permette di sapere se l'auto può essere guidata inserendo semplicemente la targa

servizio neopatentati sul portale dell'automobilista

Sanzioni
I neopatentati che guidano veicoli potenti nel primo anno oltre ad esporsi a maggiori rischi di incidente stradale, sono sottoposti ad una sanzione amministrativa minima di 161,00 euro (fino a 647,00 euro) e la sospensione della patente da due a otto mesi.

Le limitazioni non si applicano ai veicoli al servizio di persone invalide.

Restano invece invariate le altre limitazioni per i primi tre anni di patente:

  • tasso alcolico zero, anzichè 0,5 gr/l
  • velocità ridotta a 100 Km/h sulle autostrade e 90 sulle extraurbane principali (tangenziali).

Link Utili

torna all'inizio del contenuto