Comune di Arcole

Piazza Poggi Arcole (VR)

 CODICE IBAN

Il codice IBAN della tesoreria Comunale è il seguente:
BANCO POPOLARE SOCIETA' COOPERTIVA - Agenzia di Arcole.
Il codice iban è il seguente:

IT 06 M 05034 59240 000000000585

 
 

LINK RISERVATI AL PERSONALE

Eventi e News

Pubblicata il 20/07/2016
In allegato delle indicazioni alla cittadinanza, per la prevenzione patologie da elevate temperature.
Pubblicata il 11/07/2016
In allegato il relativo invito.
Pubblicata il 29/06/2016
   ARENA DI VERONA -  STAGIONE LIRICA 2016 -   La provincia di Verona mette a disposizione del comune di Arcole la possibilità di acquistare biglietti a prezzo ridotto da destinare ai cittadini ultrasessantenni che si impegnano in opere di util...
Pubblicata il 03/06/2016
Dal 03/06/2016 al 11/09/2016
In allegato comunicazione programmazione interventi.  
Pubblicata il 07/03/2016
In allegato la pergamena di adesione
Pubblicata il 29/05/2015
PER LA SCADENZA DEL 16/12/2015 IL CALCOLATORE PERMETTE DI EFFETTUARE IL CONGUAGLIO TRA QUANTO DOVUTO PER L'INTERO ANNO DI IMPOSTA (SULLA BASE DELLE ALIQUOTE APPROVATE CON DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 24/06/2015 PER LA COMPONENTE IMU E DELIBERA DI C....
Bandi di gara e contratti

 Piano dell'illuminazione per il contenimento dell'inquinamento luminoso (PICIL)

Si informa che con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 17.01.2014 è stato approvato il Piano di Illuminazione per il contenimento Luminoso (PICIL).
Il  Piano di Contenimento dell’ Inquinamento Luminoso è redatto in osservanza alle norme tecniche vigenti (CEI e UNI) in materia di impianti elettrici e illuminotecnica, con particolare attenzione alla introduzione della legge regionale n. 17 del 07.08.2009 “Norme per il contenimento dell’inquinamento luminoso, il risparmio energetico nell’illuminazione per esterni e la tutela dell’ambiente e dell’attività svolta dagli osservatori astronomici.
Il Piano è stato approvato seguendo le “Linee guida per la redazione dei Piani dell’ Illuminazione per il Contenimento Luminoso”- allegato A alla Delibera Giunta Regionale n. 2410 del 29.12.2011, pubblicata sul Bollettino Ufficiale (BUR n. 10 del 31.10.2012).
Il PICIL deve perseguire il contenimento dell’inquinamento luminoso, la valorizzazione del territorio, il miglioramento della qualità della vita, la sicurezza del traffico e delle persone, il risparmio energetico.
Si informa che tutti i capitolati relativi all’illuminazione pubblica e privata devono essere conformi alle disposizioni della presente legge e le gare d’appalto devono privilegiare criteri di valutazione di favore per le soluzioni che garantiscano maggior risparmio energetico, manutentivo, minori potenze installate e minor numero di corpi illuminanti, a parità di area da illuminare e di requisiti illuminotecnici.
Secondo quanto previsto dall’art. 11 della legge regionale n. 17/09:
1.       Chiunque realizza impianti di illuminazione pubblica e privata in difformità alla presente legge è punito, previa diffida a provvedere all’adeguamento entro sessanta giorni, con la sanzione amministrativa da euro 260,00 a euro 1.030,00 per punto luce, fermo restando l’obbligo all’adeguamento entro novanta giorni dall’irrogazione della sanzione. L’impianto segnalato deve rimanere spento sino all’avvenuto adeguamento. 
2.       L’importo delle sanzioni amministrative di cui al comma 1 è triplicato qualora la violazione sia compiuta all’interno delle fasce di rispetto di cui all’articolo 8, comma 3. 
3.       La Regione interviene in caso d’inosservanza della presente legge da parte delle province e dei comuni, promuovendo le azioni a tal fine opportune e disponendo con proprio provvedimento, l’esclusione degli enti inosservanti dall’erogazione dei contributi regionali di cui all’articolo 10. 
4.        I proventi delle sanzioni erogate sono destinati dai comuni al finanziamento degli interventi di adeguamento degli impianti di pubblica illuminazione alle disposizioni di cui alla presente legge.
I documenti tecnici relativi al Piano di Illuminazione per il contenimento Luminoso (PICIL) del Comune di Arcole – si possono consultare nel presente sito nella sezione ATTI GENERALI -  regolamenti.